Principi, modalità operative e di calcolo per garantire che il prodotto arrivi integro alla data di scadenza.

Con il termine shelf-life si indica il periodo che va dalla realizzazione del prodotto alimentare alla data entro cui il prodotto dovrebbe, preferibilmente o necessariamente, essere consumato. Per la determinazione di tale periodo è necessario valutare la velocità del decadimento qualitativo dell’alimento (sensoriale, microbiologico, chimico-fisico, nutrizionale) in specifiche condizioni di confezionamento, stoccaggio e distribuzione.

Catena di distribuzione per un prodotto refrigerato
Fonte: Stefano Zardetto, Voltan Group, 2016

Tra i fattori estrinseci che influenzano la velocità del decadimento qualitativo del prodotto, la temperatura di conservazione svolge un ruolo assai rilevante; essa, infatti, rappresenta uno dei principali ostacoli allo sviluppo microbico e uno dei fattori essenziali che influenzano la stabilità e la qualità del cibo. Per gli alimenti preconfezionati il produttore ha l’obbligo di indicare in etichetta, così come stabilito dall’articolo 9, comma g, del Regolamento Ce 1169/2011, le condizioni di conservazione, tra cui il valore di temperatura che, salvo rari casi fissati per legge, deve essere stabilito dal produttore stesso.

continua…

Sfoglia la rivista Abbonati alla rivista