Una tecnologia che aumenta la fiducia del consumatore
e valorizza il prodotto di qualità

In un mercato internazionale sempre più uniformato dalle commodities, cresce l’esigenza di una qualificazione e valorizzazione dei prodotti agroalimentari nazionali. Nel settore agroalimentare il concetto di qualità è legato alla filiera, anche in risposta alle mutate esigenze dei consumatori, sempre più attenti alla “qualità globale” di un prodotto intesa non solo come qualità intrinseca (di sicurezza, merceologica, nutrizionale e sensoriale), ma definita anche da fattori legati all’ambito di produzione (origine territoriale e tipicità, ambiente,protezione e sostenibilità dei processi produttivi).
Per il consumatore non sempre è facile accedere a queste informazioni. In tale contesto, il Decreto sull’etichettatura della pasta, emanato dal ministero per le Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo il 26 luglio 2017, costituisce una prima risposta alla richiesta di trasparenza da parte dei consumatori, in merito all’origine della materia prima.

continua…

Sfoglia la rivista  Abbonati alla rivista

di Cristina Cecchini1, Francesca Antonucci2, Simona Violino2, Corrado Costa2, Simone Figorilli2, Paolo Menesatti2
Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA) – 1 Centro di ricerca Ingegneria e Trasformazioni agroalimentari, Roma; 2 Centro di ricerca Ingegneria e Trasformazioni agroalimentari, Monterotondo (Roma)