L’accordo sugli scambi e la cooperazione tra l’Unione europea e il Regno Unito. Ecco cosa sappiamo ad oggi anche in tema di biologico.

Come noto, a seguito del referendum del 23 giugno 2016, in data 29 marzo 2017 il Regno Unito ha notificato l’intenzione di recedere dall’Unione europea a norma dell’articolo 50 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TfUe). Dopo circa tre anni di negoziati, il 30 gennaio 2020 il Consiglio europeo ha adottato la decisione relativa alla conclusione dell’accordo di recesso a nome dell’Ue e una dichiarazione politica sul quadro delle future relazioni. A partire dalla mezzanotte del 31 gennaio 2020, il Regno Unito non è più uno Stato membro dell’Ue ed è considerato un Paese terzo.

Tuttavia, l’accordo di recesso ha consentito di gestire l’uscita del Regno Unito dall’Ue in maniera ordinata, a tutela di cittadini e imprese, prevedendo in particolare un periodo transitorio, terminato il 31 dicembre scorso, attraverso il quale un ampio corpo di re-gole dell’Ue (incluse quelle sulla libera circolazione delle persone, dei servizi, dei capitali e del-le merci nei termini previsti dall’accordo mede-simo) ha continuato ad applicarsi al Regno Unito.

continua…

Sfoglia la rivista Abbonati alla rivista