Home Produzione Tecnologie Barilla e Agroservice: sviluppo di una nuova varietà per la pasta

Barilla e Agroservice: sviluppo di una nuova varietà per la pasta

4 min read
Commenti disabilitati su Barilla e Agroservice: sviluppo di una nuova varietà per la pasta
0
114

Il noto brand di pasta Barilla ha annunciato la collaborazione con Agroservice, azienda specializzata nella ricerca e produzione di sementi per l’agricoltura. Si tratta di un accordo di durata pluriennale con un contributo di centinaia di migliaia di euro con l’obiettivo di sviluppare una varietà nuova di grano duro per la pasta e attività di ricerca.

Siamo molto fieri di annunciare questo accordo perché grazie ad Agroservice l’attività di ricerca ci permette di proseguire nello sviluppo di varietà di grano sempre più innovative e sostenibili” – ha commentato Marco Silvestri, Durum Wheat Senior Fellow del Gruppo Barilla. “Questa collaborazione – prosegue – avrà ricadute positive sulla competitività di tutta la filiera italiana del grano duro e ci permetterà di avere dei benefici che non riguardano solo la performance e la qualità del prodotto finale, ma anche tutto il mondo della ricerca alimentare. E siamo orgogliosi di tornare a farlo a casa nostra, in Italia“.

Un focus sulla ricerca

Grazie alla ricerca negli anni è stato possibile realizzare e sviluppare diverse varietà di grano duro con l’obiettivo di migliorare la qualità della pasta. Per creare una nuova tipologia di grano sono necessari 8 anni. Dalla collaborazione tra Barilla e PSB sono nate 7 tipologie di grano: Svevo, Aureo, Puro, Intenso. Le sementi sono certificate e hanno le caratteristiche richieste da Barilla come contenuto proteico, colore giallo e qualità del glutine.

Software per l’agricoltura di precisione

Gli accordi pluriennali di filiera oggi coinvolgono circa 8000 agricoltori italiani e il Gruppo incentiva l’utilizzo di pratiche sostenibili in collaborazione con partner autorevoli. Risale al 2009 il progetto che ha visto Barilla collaborare con Horta, spin-off dell’Università Cattolica di Piacenza che ha dato vita a “granoduro.net”, un sistema di supporto alle decisioni. Questo software, analizzando parametri come l’andamento metereologico, la fertilità del suolo e lo stato fenologico della pianta, permette di usufruire della tecnologia e dell’innovazione per aiutare gli agricoltori in campo.

Inoltre, insieme all’Istituto di Bioeconomia di Firenze Barilla ha realizzato Agrosat, servizio che supporta l’agricoltore nella gestione della concimazione con tecniche di agricoltura di precisione e con il CNR Granoscan, una App che permette agli agricoltori di riconoscere le patologie del grano grazie a sistemi avanzati di intelligenza artificiale.

Load More Related Articles
Load More By Greta Esposito
Load More In Tecnologie
Comments are closed.

Check Also

Molino Pasini e la iGeneration a Cibus 2022

Molino Pasini torna a Parma in occasione di Cibus 2022, la fiera  dell’agroalimentar…