Home Produzione Diritto alimentare Biologico: lavori in corso

Biologico: lavori in corso

4 min read
Commenti disabilitati su Biologico: lavori in corso
0
9
biologico

L’importanza di un quadro giuridico “efficace” per l’industria del settore

Per comprendere l’evoluzione in atto del settore agro-alimentare biologico, ci avvaliamo delle spiegazioni offerte dalla Commissione europea la quale, nel riconoscere che il biologico è un settore dell’agricoltura dell’Unione in rapida crescita, ricorda l’importanza di un quadro giuridico che possa dirsi concretamente efficace per l’industria del settore.

L’evoluzione del settore agro-alimentare biologico

Da più di tre anni è entrata in vigore in Ue una nuova disciplina normativa: il regolamento (Ue) n. 848/2018, relativo alla produzione biologica e all’etichettatura dei prodotti biologici, il quale ha anche abrogato il precedente – e ben più conosciuto – regolamento (Ce) n. 834/2007. Vista, tuttavia, la complessità degli atti derivati in preparazione, ossia dell’insieme dei provvedimenti normativi di esecuzione e delegati, che traggono origine e giustificazione dal predetto regolamento principale, ma anche in buona parte a causa dell’emergenza Covid-19, la sua applicazione, precedentemente prevista a decorrere dal 1º gennaio 2021, è stata posticipata di un anno, ossia a decorrere dal 1º gennaio 2022.

Nel mese di marzo 2021, inoltre, la Commissione ha varato un piano d’azione per l’agricoltura biologica in Ue, il quale mira a conseguire l’obiettivo del Green Deal europeo di destinare il 25% dei terreni agricoli all’agricoltura biologica, entro il 2030.

Il piano di azione

Il piano comprende 23 azioni suddivise in tre assi:

  • asse 1: stimolare la domanda e garantire la fiducia dei consumatori;
  • asse 2: stimolare la riconversione e rafforzare l’intera catena del valore;
  • asse 3: migliorare il contributo dell’agricoltura biologica alla sostenibilità ambientale.

Tale piano d’azione è strutturato in modo da essere conforme agli obiettivi che con il regolamento (Ue) n. 848/2018 il legislatore europeo, con riferimento alla produzione biologica, si è prefissato di conseguire. Nello specifico (art. 4):

  1. a) contribuire a tutelare l’ambiente e il clima;
  2. b) conservare a lungo termine la fertilità dei suoli;
  3. c) contribuire a un alto livello di biodiversità;
  4. d) contribuire efficacemente a un ambiente non tossico;
  5. e) contribuire a criteri rigorosi in materia di benessere degli animali e soddisfare, in particolare, le specifiche esigenze comportamentali degli animali secondo la specie;
  6. f) promuovere le filiere corte e la produzione locale nelle varie zone dell’Unione.

Abbonati per leggere l’articolo integrale

[Sfoglia la rivistaAbbonati alla rivista
Load More Related Articles
Load More By Valeria Pullini
Load More In Diritto alimentare
Comments are closed.

Check Also

Produzione ed etichettatura dei prodotti biologici

Aggiornamenti in tema di controlli ufficiali e legislazione nazionale in preparazione Il r…