Home Economia Felicetti sul caro energia: “Bisogna resistere, ma serve chiarezza”

Felicetti sul caro energia: “Bisogna resistere, ma serve chiarezza”

3 min read
Commenti disabilitati su Felicetti sul caro energia: “Bisogna resistere, ma serve chiarezza”
0
75
Felicetti caro energia

Che serpeggi una preoccupazione generale sul caro energia è un dato di fatto. La situazione a cui si va incontro, specie con l’incombere di stagioni più fredde, tiene in apprensione molti settori dell’economia nazionale. Non fa eccezione il settore agroalimentare, che peraltro ha già fatto i conti con l’aumento dei prezzi e la relativa contrazione nella produzione del grano duro.

Tutto il comparto della pasta cerca quindi delle risposte immediate a questa situazione, per evitare pesanti ricadute anche in termini di costi per i consumatori finali.

“L’obiettivo in questa fase è resistere”. Esordisce così in un’intervista Riccardo Felicetti, Amministratore delegato del Pastificio Felicetti. ”La crescita dei costi per l’energia- che sta raggiungendo l’apice, con punte che sfiorano il +400% – rientra in un quadro di aumenti generalizzati che negli ultimi 2 mesi ha coinvolto materie prime e servizi. Solo per dare qualche numero dal nostro osservatorio: da un anno a questa parte il prezzo della semola di grano duro ha registrato un +90%, gli ovoprodotti il +50%, per non parlare dei trasporti via terra e via mare, che sono cresciuti rispettivamente del 30% e del 300 per cento”.

Il rischio concreto, secondo Felicetti, è quello di dover rivedere i listini “finché la tempesta non si sarà placata”.

Quale la possibile soluzione?

Secondo Felicetti sarebbe prezioso un intervento in termini di chiarezza, nel dare informazioni da fonte autorevole a tutti gli attori della filiera e ai consumatori. “Inoltre, -conclude l’Ad del Pastificio Felicetti- credo che non siano più procrastinabili una maggiore determinazione nell’attuare politiche di ampio respiro in materia di energia e agevolazioni di natura fiscale alle imprese, per consentirci di mantenere competitività sui mercati domestici e internazionali facendo fronte a una voce di spesa – quella per l’approvvigionamento energetico – che per imprese come la nostra è ormai seconda solo a quelle per il personale o per la materia prima”.

Load More Related Articles
Load More By Luca Graziani
Load More In Economia
Comments are closed.

Check Also

Bel successo per “Barilla Porte Aperte 2023”

Si chiama “Barilla Porte Aperte 2023” ed è un’iniziativa che mira ad avvicinare ancora di …