Home Economia Primo semestre 2021: il bilancio dell’export dei distretti agro-alimentari italiani

Primo semestre 2021: il bilancio dell’export dei distretti agro-alimentari italiani

4 min read
Commenti disabilitati su Primo semestre 2021: il bilancio dell’export dei distretti agro-alimentari italiani
0
11
economia agroalimentare

In costante espansione l’export dei prodotti della filiera agricola

Nel primo semestre 2021, l’export dei distretti agro-alimentari italiani ha fatto registrare un progresso del +10,9% rispetto allo stesso periodo del 2020, assestandosi su un valore complessivo di quasi 10,9 miliardi di euro. La crescita è confermata anche nel confronto con i dati del pre-pandemia (+14,9% rispetto ai primi sei mesi del 2019). La dinamica è in linea con l’andamento del totale delle esportazioni agro-alimentari italiane (+12% tendenziale nel periodo gennaio-giugno 2021) di cui i distretti rappresentano il 45% in termini di valori esportati (tabella 1).

La filiera dei distretti del vino, che rappresenta oltre un quarto del totale dell’export distrettuale agro-alimentare, cresce del 15,5% rispetto ai primi sei mesi del 2020, e del 10,8% rispetto allo stesso periodo del 2019. Quasi tutti i distretti hanno recuperato i livelli pre-crisi grazie alla progressiva riapertura del canale Horeca e alla diversificazione dei canali distributivi. Nel complesso, la filiera vitivinicola totalizza oltre 2,8 miliardi di esportazioni: trainano la crescita il distretto dei Vini di Langhe, Roero e Monferrato (+20,2% rispetto al primo semestre del 2020; +14,8% rispetto allo stesso periodo del 2019), i Vini del veronese (rispettivamente +10,2% e +6,2%) e i Vini dei colli fiorentini e senesi (+21,7% e +19,2%) (Grafico 1).

Anche la filiera della pasta e dei dolci continua a registrare successi sui mercati internazionali, e con quasi 1,6 miliardi di esportazioni nel primo semestre del 2021 cresce del 3,1% rispetto allo stesso periodo del 2020 (+19,7% rispetto ai primi sei mesi del 2019). Il risultato complessivo della filiera è frutto però di dinamiche differenti dei singoli distretti. Ottimo recupero per i Dolci di Alba e Cuneo (+18,2% tendenziale) che aveva chiuso in leggera contrazione il 2020 (-1,2%); crescita a due cifre anche per Dolci e pasta veronesi (+14,7%), sulla scia di un 2020 chiuso in progresso del 8,3%. In incremento anche le esportazioni del comparto pasta dell’Alimentare di Avellino (+2,4%). Conferma gli stessi livelli del primo semestre del 2020 l’Alimentare di Parma (-0,7%) dopo la forte crescita dello scorso anno (+20,7%).

Fisiologico regresso per i comparti pasta e dolci dell’Alimentare napoletano (-27,1%), dell’Olio e pasta del barese (-2,4%) e per la Pasta di Fara (-9%), tutti distretti che avevano chiuso il 2020 con forti incrementi delle esportazioni.

Di Carla Saruis e Rosa Maria Vitulano

Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo

Abbonati per leggere l’articolo integrale

Sfoglia la rivistaAbbonati alla rivista
Load More Related Articles
Load More By Carla Saruis
Load More In Economia
Comments are closed.

Check Also

I distretti agro-alimentari italiani nel primo trimestre del 2021

Positivi tutti i distretti della filiera, a eccezione di quello del vino in lieve difficol…