Home Economia Distretti agro-alimentari italiani: primo trimestre positivo

Distretti agro-alimentari italiani: primo trimestre positivo

4 min read
Commenti disabilitati su Distretti agro-alimentari italiani: primo trimestre positivo
0
3
agroalimentare

Positivi tutti i distretti della filiera, a eccezione di quello del vino in lieve difficoltà

La ricca e variegata tradizione agroalimentare italiana ha portato alla formazione di realtà locali caratterizzate dalla presenza di molti prodotti tipici. Allo scopo di rappresentare tali realtà, la Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo – uno dei principali centri di ricerca economica e finanziaria del Paese – ha identificato 50 distretti agroalimentari: zone geografiche specializzate nella coltivazione e trasformazione di pro­dotti agricoli e alimentari, contraddistinte da una buona propensione all’export, distribuite lungo l’intera Penisola.

I trend di crescita

Prosegue anche nel primo trimestre del 2021 il trend di crescita che ha caratterizzato l’export distrettuale agro-alimentare nel 2020. Dopo aver chiuso l’anno segnato dalla pandemia con una crescita del 3,5%, i primi tre mesi del 2021 registrano un ulteriore +1,9% tendenziale, raggiungendo la quota di quasi 5,3 miliardi di euro di esportazioni. La dinamica è in linea con l’andamento del totale delle esportazioni agro-alimentari italiane (+2,2% nel periodo gennaio-marzo 2021) di cui i distretti rappresentano il 46% in termini di valori esportati. L’analisi per filiera fa emergere tuttavia alcune dinamiche differenti.

L’analisi dei distretti

È soprattutto la filiera dei distretti agricoli a registrare una forte accelerazione delle esportazioni nel primo trimestre del 2021, con una crescita tendenziale del 19,2%, che segue il buon risultato del 2020 (+6,2%). Positivi tutti i distretti della filiera, in particolare si distingue l’ortofrutta romagnola (+23,4%), che riprende fiato dopo un 2019 funestato dalla cimice asiatica e una primavera 2020 caratterizzata da gelate e siccità. Viaggia ancora su livelli record la filiera della pasta e dolci, dopo un ottimo 2020 (+9,6%) assestandosi su oltre 810 milioni di euro di esportazioni nel primo trimestre del 2021 (+0,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente).

Partenza sprint per i dolci di Alba e Cuneo (+8,2%) che aveva chiuso in leggera contrazione il 2020 (-1,2%); crescita a due cifre per dolci e pasta veronesi (+13,4%), in incremento anche olio e pasta del barese (+7,8%). Fisiologico regresso per i comparti pasta e dolci dell’alimentare di Parma (-5,4%), dell’alimentare napoletano (-16,9%), dell’alimentare di Avellino (-4,8%) e per la pasta di Fara (-2,3%), tutti distretti che avevano chiuso il 2020 con forti incrementi delle esportazioni.

Abbonati per leggere l’articolo integrale

[vcex_button url=”https://www.pastaepastai.it/rivista-digitale/” target=”” vcex_button size=”medium” custom_background=”#bd1220″]Sfoglia la rivista[/vcex_button] [vcex_button url=”https://www.avenuemedia.eu/prodotto/pasta-pastai-8-numeri-allanno/” target=”_blank” vcex_button size=”medium” custom_background=”#bd1220″]Abbonati alla rivista[/vcex_button]
Load More Related Articles
Load More By C. Saruis - R. M. Vitulano
Load More In Economia
Comments are closed.

Check Also

Prosegue la crescita dei distretti agroalimentari italiani

Nel 2021 le esportazioni a prezzi correnti dei distretti agro-alimentari italiani si sono …