Home Produzione Metodi La fibra alimentare e le sue applicazioni nelle paste integrali

La fibra alimentare e le sue applicazioni nelle paste integrali

5 min read
Commenti disabilitati su La fibra alimentare e le sue applicazioni nelle paste integrali
0
7
pasta integrale

Normative e comunicazioni commerciali che regolamentano le indicazioni nutrizionali e la salute

Partendo dall’analisi della normativa vigente, valuteremo qui il caso pratico di un costituente nutrizionale che in quest’ultimo periodo desta molto interesse, sia per i produttori sia per i consumatori, ovvero quello della fibra alimentare in relazione alle sue implicazioni con alcune tipologie di paste come quelle integrali.

La normativa comunitaria

Come noto, le indicazioni nutrizionali (nutrient claims) e sulla salute (health claims) fornite sui prodotti alimentari sono regolamentate dal Reg. Ce n. 1924/2006 del 20/12/2006 e dal regolamento Ce n. 432/2012 del 16/05/2012 e successivi aggiornamenti. L’articolo 2 della prima normativa citata fornisce le seguenti definizioni di indicazione nutrizionale e indicazione sulla salute, ovvero:

  • indicazione nutrizionale (nutrient claim): “qualunque indicazione che affermi, suggerisca o sottintenda che un alimento abbia particolari proprietà nutrizionali benefiche dovute all’energia che apporta, apporta a tasso ridotto o accresciuto o non apporta e/o alle sostanze nutritive o di altro tipo che contiene, contiene in proporzioni ridotte o accresciute, oppure non contiene”;
  • indicazioni sulla salute (health claim): “qualunque indicazione che affermi, suggerisca o sottintenda l’esistenza di un rapporto tra una categoria di alimenti, un alimento o uno dei suoi componenti e la salute”.

Inoltre, per le indicazioni sulla salute è necessario riportare le seguenti informazioni supplementari come stabilito all’art. 10:

a) una dicitura relativa all’importanza di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano;
b) la quantità dell’alimento e le modalità di consumo necessarie per ottenere l’effetto benefico indicato;
c) se del caso, una dicitura rivolta alle persone che dovrebbero evitare di consumare l’alimento;
d) un’appropriata avvertenza per i prodotti che potrebbero presentare un rischio per la salute se consumati in quantità eccessive.

fibra alimentareCategorie di claims salutistici

Esistono fondamentalmente due tipologie di health claims:

  • indicazioni sulla salute diverse da quelle che si riferiscono alla riduzione del rischio di malattia e allo sviluppo e alla salute dei bambini (art. 13);
  • indicazioni sulla riduzione dei rischi di malattia e indicazioni che si riferiscono allo sviluppo e alla salute dei bambini (art. 14).

Ambito di applicazione e registro comunitario

Il Reg. Ce 1924, come specificato all’articolo 1, si applica nelle “comunicazioni commerciali, sia nell’etichettatura sia nella presentazione o nella pubblicità dei prodotti alimentari forniti al consumatore finale”. Il Regolamento si applica anche ai “prodotti alimentari destinati a ristoranti, ospedali, scuole, mense e servizi analoghi di ristorazione di collettività”. Le indicazioni nutrizionali e sulla salute consentite sono elencate negli allegati del Reg. Ce n. 1924/2006 e del Reg. Ce n. 432/2012 e nei successivi aggiornamenti legislativi. Inoltre, come previsto dall’Art. 20 del Reg. 1924, la Commissione istituisce e tiene aggiornato un registro comunitario delle indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari.

Abbonati per leggere l’articolo integrale

Sfoglia la rivistaAbbonati alla rivista
Load More Related Articles
Load More By Luigi De Lisio
Load More In Metodi
Comments are closed.

Check Also

Il metodo europeo dei valori e delle tabelle nutrizionali degli alimenti

In Europa l’etichettatura (o dichiarazione) nutrizionale è normata dal Regolamento (Ue) 11…