Home Produzione Le paste funzionali. Parte I

Le paste funzionali. Parte I

1 min read
Commenti disabilitati su Le paste funzionali. Parte I
2
275

Nel 1999 Diplock et al. nel British Journal of Nutrition definiscono: “un alimento può essere considerato funzionale se è sufficientemente dimostrata la sua influenza benefica su una o più funzioni del corpo, oltre a effetti nutrizionali adeguati, tanto da risultare rilevante per uno stato di benessere e di salute o per la riduzione di rischio di una malattia…”. La pasta data le sue caratteristiche di alta stabilità e prolungata shelf-life si presta bene a veicolare i più svariati ingredienti o sostanze aventi proprietà funzionali. Nella stampa specializzata e non si possono consultare facilmente articoli dedicati all’argomento. In una precedente pubblicazione (De Lisio L., maggio 2021) è stato illustrato ampiamente come l’utilizzo di sfarinati di orzo o avena contenenti beta-glucani possono risultare efficaci nel ridurre l’indice glicemico post-prandiale e la colesterolemia.

Abbonati alla rivista per leggere l’articolo integrale

Sfoglia la rivistaAbbonati alla rivista
Load More Related Articles
Load More By Luigi De Lisio
Load More In Produzione
Comments are closed.

Check Also

La pasta alimentare: la pastificazione

Come noto le principali operazioni che intervengono nel processo di produzione della pasta…